Contesto culturale

La i-AM Foundation è un ente autoriale perché non agisce come un “singolo”, ma come insieme di soggetti che procedono in modo corale ad un’azione collettiva finalizzata alla costruzione del progetto che propone e realizza […]. È inoltre una nuova generazione di soggetto associativo, utile al sistema “arte” per elaborare nuovi modi di sentimento filantropico in modalità Open Structure, Rappresenta la ricerca per l’aggregazione di individui inseriti in gruppi per la realizzazione di proprie attitudini e per il conseguimento di vantaggi per l’ambiente circostante è la forma che il presidente Leonardo Rotatori ha elaborato e progettato definendone, ad oggi, caratteristiche uniche e peculiari.
Con questo strumento nasce ogni progetto presentato e approdato alla Biennale di Venezia dal 2011 a oggi.
Gli associati mantengono la propria identità all’interno della Fondazione in quanto ognuno compie una libera azione individuale fondamentale; si certifica cioè la capacità del singolo di poter raggiungere obiettivi più ampi in un sistema organizzato, in grado di potenziarne la individualità a vantaggio proprio e della collettività, fruendo del Mondo dell’arte contemporanea come luogo del pensiero, capace di assumere il ruolo di “incubatore” di valori assoluti necessari per migliorare la capacità di lettura del mondo che cambia.

La Fondazione si ispira:

  • a principi fondati sull’intelligenza collettiva;
  • alle dottrine ecumeniche per la responsabilità etica della condivisione del sapere;
  • alla democratizzazione dell’accesso alle esperienze dell’arte nel passato;
  • all’approccio policulturale e multidisciplinare dei propri membri;
  • allo sviluppo di know how “utile” attraverso le tecnologie infrastrutturali;
  • al potenziamento del singolo nelle strutture collettive, nel rispetto dell’individualità;
  • allo stimolo della società civile per ricerca e sviluppo di interessi collettivi non speculativi;
  • alla costruzione di una cultura “umanista” che trova nell’arte e nelle esperienze dei propri attori la pedagogia del fare.

L’Editore UNIQUE Edition Press crea, attraverso la ricerca continua, una moderna offerta di servizi e prodotti, per una nuova possibilità di fruizione attiva dell’arte nel mondo contemporaneo.
La sua ricerca ha mantenuto fino al 2016 un ambito commerciale limitato, nel tempo e nello spazio, agli appuntamenti con la Biennale di Venezia, per la commercializzazione del proprio catalogo.
La UNIQUE opera da leader in un territorio di nicchia, individuabile nella linea di confine tra la zona dell’arte incrementale —che, grazie al supporto della tecnologia, ha saputo trasformare l’unicum dell’opera tradizionale in differenti frattali omotetici — e l’arte dirompente in grado di immettere sul mercato prodotti “Non-arte» che si impongono nei territori dell’arte tradizionale tout court.
Unique Edition Press è l’editore di riferimento che sviluppa per il prodotto arte del nostro secolo un rapporto virtuoso con le tecnologie digitali. Ciò non significa la traduzione dell’arte in digitale, ma lo sviluppo di prodotti, servizi, practices e attività coerenti con l’utilizzo delle tecnologie stesse.
La tecnologia digitale della comunicazione ci sta dolcemente portando in un sistema di intelligenza collettiva globale, basata proprio sulle esperienze storiche delle arti in genere.
La ricerca nelle pieghe delle esperienze commerciali/tecnologiche dell’arte ha evidenziato applicazioni in ambito economico per attività contingenti, applicabili ad “opere” sociali-culturali, con un’etica e un valore che in altri tempi si riservava alle azioni artistiche in ambito religioso e di arte pubblica.
Il percorso definito Open Structures che in questi anni il Presidente Leonardo Rotatori ha  elaborato e prodotto non è finalizzato alla riduzione dell’attività artistica ad un’attività economica, ma a imparare a includere nell’arte istituzionalizzata (social identity) valori e analogie tra ambiti spesso molto diversi, in ruoli di story teller, testimonials e pratica di partnership, coerente con la filosofia della costruzione.
Un ulteriore step di sviluppo nell’approccio open source ha portato a riconoscere nell’ambito delle attività social-technology un know-how per l’evoluzione dell’opera d’arte (proprio nel punto di contingenza delle traiettorie sopra descritte), cioè capace di trasformarla in un’espressione corale di makers, testimonials e participants, di un territorio ampio (dal punto di vista geografico e culturale) per l’arte del mondo.

I Sostenitori , nonché beneficiari, possono investire nei  progetti proposti dal trustee (grazie all’apporto dell’editore e della fondazione) e avranno la possibilità di un ritorno economico derivante da tale investimento in un’iniziativa di marketing avente per  oggetto lo sfruttamento economico del Progetto.  Grazie all’attribuzione del Certificato di Beneficio ciascun detentore può ottenere infatti un beneficio proporzionato alla quota investita qualora vi siano proventi derivanti dai progetti.  L’atto di apporto indicherà il Progetto che il Sostenitore intende sostenere.
Inoltre il capitale investito dal Sostenitore è tutelato; la UNIQUE Edition Press infatti conferisce nel trust opere d’arte (fondo in trust) che costituiranno la garanzia dell’investimento effettuato dai Sostenitori, così da proteggere il rimborso del capitale impiegato.
I Sostenitori/Beneficiari investendo in Ai-M Trust entrano inoltre nel mondo di prodotti e servizi innovativi offerti dall’editore dei quali potranno fruire; tali  prodotti sono frutto della ricerca della fondazione della quale conservano il DNA che viene però rigenerato dall’editore  per sviluppare prodotti servizi practices e attività coerenti con l’utilizzo delle tecnologie digitali in un’ottica social impact.
La collaborazione tra i-AM Foundation e UNIQUE Edition Press consente ad Ai-M Trust di disporre di un patrimonio distintivo di conoscenza nel mondo dell’arte da valorizzare mediante la creazione di un catalogo di servizi fruibili dal mondo dei “consumers”. Questo catalogo rappresenta un grande e pacifico arsenale di prodotti per un concetto ampliato di arte, attualmente il più vasto e blasonato presente sul territorio nazionale.